Titola così l’articolo del Sole 24 Ore dedicato a Phidrive vincitrice del bando europeo H2020, riportiamo sotto l’articolo completo e il link alla pagina della fonte:

“E’ una startup nata nel 2013 in pancia all’incubatore I3P del Politecnico di Torino e la sua missione è quella di sviluppare e commercializzare posizionatori e motori per i settori aerospaziale e industriale. La notizia che porta Phi Drive alla ribalta è il finanziamento da 1,2 milioni di euro ottenuto vincendo la Fase II del bando Horizon 2020, il programma quadro realizzato dall’Unione Europea per supportare la ricerca e l’innovazione.
Dopo Alyt e Leaf Space, è questo il terzo investimento di una certa rilevanza che interessa una startup incubata presso i3P, a conferma della dinamicità del comparto aerospaziale torinese. La peculiarità di Phi Drive è quella di aver brevettato e prodotto soluzioni innovative per questo mercato e per altri segmenti verticali (quali l’ottica, la biomedica, le macchine utensili e gli strumenti di misura), puntando su sistemi ad azionamento piezoelettrico, a solenoide, pneumatico o altro, utilizzabili in motori e attuatori lineari o rotativi di dimensioni microscopiche, piccole e medie.
La startup fa parte di un gruppo di quattro società con Comestero Sistemi, distributore di componenti per l’industria elettronica ed elettromeccanica, Penta Group e la britannica Nsf Controls.”

Fonte