Gli ingegneri di Phi Drive hanno acquisito negli anni una vasta esperienza nel campo della modellazione FEM delle macchine utensili. Ora anche voi potrete beneficiare di questa esperienza grazie ai nostri nuovi servizi di consulenza per l’industria, mirati all’ottimizzazione dei processi di lavorazione e all’efficientamento delle macchine.

 

Ottimizzare un processo di lavorazione meccanica vuole dire trarre il massimo dalla propria macchina utensile, migliorandone l’efficienza e di conseguenza riducendone i costi di utilizzo, senza rinunciare alla qualità della lavorazione.

 

Un processo del genere non può che partire da una corretta modellazione FEM della vostra macchina, ed è in questo che il know how di Phi Drive  raggiunge il suo apice.

 

 

I fattori che determinano la qualità di una lavorazione meccanica per asportazione di truciolo sono molteplici, spesso legati tra loro e dipendenti dalla dinamica delle macchine utensili: cinematica dei meccanismi (cuscinetti, viti a ricircolo di sfere, pattini,…), giochi e tolleranze tra i vari componenti, dinamica dei mandrini e degli assi rotanti sono solo alcuni di questi.

 

Inoltre, un ruolo importante è svolto dall’interazione grezzo-macchina utensile, poiché rende possibile la nascita di vibrazioni (Chatter) che possono compromettere la stabilità della lavorazione (andando al di fuori del grafico che rappresenta la regione di stabilità) e di conseguenza la qualità della stessa.

 

 

Partendo da queste considerazioni, l’analisi FEM permette di modellare una macchina utensile, un elettro-mandrino o un meccanismo con lo scopo di ottenere, mediante una serie di analisi (statica, dinamica, modale,…) risultati in termini di sforzi, deformazioni, modi di vibrare, frequenze proprie ed FRF (Frequency Response Function) in grado di offrire, se opportunamente interpretati, interessanti prospettive per lo sviluppo di un nuovo prodotto o per l’ottimizzazione delle performance di uno già esistente.